Loading... Security Landscape 0%
Loading...

Security Landscape

0 views
 
 
Published 2 months ago

SECURITY LANDSCAPE
Photographs by TerraProject
----------------------------------------------------------
The less arbitrary definition we can give of the landscape is deeply subjective, involving in any case an observer who brings into play a particular sensitivity, culture, ability and way of seeing. The external landscape is in fact closely related to the internal landscape, both of the individual and of the community. And from the indispensable presence of an observer who identifies the landscape in the light of her or his own cultural background, it follows that everyone must have their own landscape in which to recognize themselves, a mirror that reflects the roots of people and that is handed over to the next generation.
Currently, landscape is recognized as a cultural asset with an identity character, the result of the perception of the population. From this point of view, the landscape is a social product and does not represent a static, but a dynamic good. Based on these characteristics, landscape is always related to the human action.
Landscape is also a powerful language: there is no landscape without a representation of it. There is therefore a sort of continuous exchange: humans changes the landscape and the landscape changes humans. By observing with attention and sensitivity the signs impressed by anthropic activities on a country, it is possible to understand many things about the character of its inhabitants, their habits, their way of understanding the organization of spaces and of life itself.
The visual investigation that TerraProject has carried out concerns the relationship between threats to security and changes in the urban landscape in contemporary European society.
As threats and fears multiply, concrete actions to reduce risks or their perception become part of the collective imagination by integrating into the landscape as new physical presences, signs, barriers and conventions that materialize the need for security, in countries that according to the data they are actually increasingly secure. What does the landscape we have built express? What message will we leave to future generations through it? These are some of the questions that arise from "Security Landscape”.
--------------------------------------------------
La definizione meno arbitraria che possiamo dare del paesaggio è profondamente soggettiva, comportando in ogni caso un osservatore che metta in gioco la sua sensibilità particolare, la sua cultura, la sua capacità ed il suo modo di vedere. Il paesaggio esteriore è infatti strettamente correlato al paesaggio interiore, sia dell’individuo che della collettività. E dall'indispensabile presenza di un osservatore che identifichi il paesaggio alla luce del suo bagaglio culturale deriva che ognuno debba avere un proprio paesaggio in cui riconoscersi, specchio che riflette le radici delle persone e dei popoli e che viene consegnato alla generazione successiva perché a sua volta lo viva modellandolo in forme nuove.
Attualmente si riconosce il paesaggio come bene culturale a carattere identitario, frutto della percezione della popolazione. Da questo punto di vista il paesaggio è un prodotto sociale e non rappresenta un bene statico, ma dinamico. In base a queste caratteristiche, in quanto determinato dal carattere percettivo (almeno in base a questa accezione di paesaggio), il paesaggio è sempre relazionato all'azione dell'uomo.
In questo senso il paesaggio non coincide con la realtà materiale (quindi con il territorio), in quanto l'azione della mediazione socio-culturali e della soggettività umana determinano un effetto di produzione di senso. In altre parole: il paesaggio comprende sia la realtà, che l'apparenza della realtà. Da questo punto di vista il paesaggio è anche un potente linguaggio: non esiste un paesaggio senza rappresentazione di esso. Vi è perciò una sorta di interscambio continuo: l'uomo modifica il paesaggio ed il paesaggio modifica l'uomo. Osservando con attenzione e sensibilità i segni impressi dalle attività antropiche su un paese, è possibile capire molte cose sul carattere dei suoi abitanti, sulle loro abitudini, sul loro modo di intendere l'organizzazione degli spazi e della vita stessa.
L’indagine visiva che TerraProject ha realizzato riguarda la relazione che intercorre tra le minacce alla sicurezza nella società europea contemporanea ed i cambiamenti del paesaggio urbano.
Nel moltiplicarsi di minacce e paure, le azioni concrete per ridurre i rischi o la percezione di essi entrano a far parte dell’immaginario collettivo integrandosi nel paesaggio come nuove presenze fisiche, segni, barriere e convenzioni che materializzano il bisogno di sicurezza, in paesi che stando ai dati sono in realtà sempre più sicuri. Cosa esprime il paesaggio che abbiamo costruito? quale messaggio lasceremo alla generazioni future attraverso di esso? sono queste alcune delle domande che sorgono davanti al “Paesaggio della sicurezza”.
----------------------------------------------------
TerraProject Photographers is a collective of documentary photographers founded in Italy in 2006. Its members are Michele Borzoni, Simone Donati, Pietro Paolini and Rocco Rorandelli. With an eye on both the Italian reality and the most relevant social and environmental issues, the members of TerraProject have produced numerous individual and group projects, experimenting with an original collective writing approach.
The works of the collective have been published in the pages of the most important international magazines, including Der Spiegel, Financial Times Magazine, GEO, Le Monde Magazine, Monocle, Newsweek, Paris Match, Stern, Time, The Wall Street Journal and, in Italy, on D La Repubblica, Internazionale, Io Donna, L'Espresso, Sportweek and Vanity Fair. Their works have been exhibited in various prestigious venues around the world and the collective's members have been guests of numerous international photo festivals. TerraProject photographers have received many prestigious international awards including the World Press Photo (2010 and 2012), the Canon Prize (2010), the Pesaresi award for Contemporary Photograohy (2013) and Graziadei Award (2014).
--------------------------------------------------
The BeSEC Project intends to support activities of information and dissemination of knowledge and skills with regard to the role of security in the process of European integration. The Project has been funded by the European Commission within the Jean Monnet Actions.
The Jean Monnet Actions aim at promoting excellence in teaching and research in the field of European Union studies worldwide.

Categories: Photography

0 Comments

You cannot currently submit comments because your are not signed in. Sign In or Sign up
Loading...